|

Area News

venerdì 2 maggio 2014

Apnee de sonno possibile causa di deterioramento osseo

Il disturbo del respiro notturno può esporre ad un rischio significativo di deterioramento della resistenza ossea. Così riporta un recente studio osservazionale.

Il disturbo respiratorio noto come apnea del sonno potrebbe rappresentare un nuovo fattore di rischio per il deterioramento del tessuto osseo e contribuire alla condizione osteoporotica, determinando così una maggiore predisposizione alle fratture da debole trauma.

La presenza dell’anomalia respiratoria cronica esporrebbe ad una probabilità fino a due volte superiore di soffrire una compromissione della condizione ossea rispetto ai soggetti non affetti dal disturbo.

Questi i risultati di un recente studio condotto dai ricercatori del  Kaohsiung Chang Gung Memorial Hospital di Taiwan e pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism. L’evidenza è emersa da uno studio osservazionale condotto su oltre 1.300 pazienti affetti dalla condizione respiratoria i quali sono stati seguiti per un periodo massimo di 11 anni ed un gruppo di oltre 20.000 individui controllo non affetti dalla condizione.

Gli autori della pubblicazione hanno così potuto riscontrare che i pazienti affetti da apnee notturne del sonno presentavano una probabilità quasi doppia di sviluppare l’osteoporosi durante il periodo di follow-up clinico rispetto agli individui non affetti. Lo studio ha anche rivelato che i soggetti maggiormente esposti al rischio di sviluppare la condizione osteoporotica erano le donne e gli individui di età più avanzata.

L’analisi è la prima nel suo genere a stabilire un’associazione tra e due condizioni e, a detta degli autori, possiederebbe una deciso significato clinico in quanto basato sull’analisi di un vasto campione di individui.

Tuttavia, restano ancora poco chiari i possibili meccanismi biologici alla base di quest’associazione. Una possibile spiegazione potrebbe risiedere nei ripetuti episodi di ipo-ossigenazione dei tessuti che si verificano frequentemente nei soggetti affetti dalle apnee de sonno, ma anche un decisivo ruolo svolto dalla presenza di mediatori dell’infiammazione, due condizioni note influire negativamente sul metabolismo osseo e quindi potenzialmente convolti nell’insorgenza dell’osteoporosi.

Fonte: Chen YL, Weng SF, Shen YC et al. Obstructive Sleep Apnea and Risk of Osteoporosis: A Population-Based Cohort Study in Taiwan. J Clin Endocrinol Metab. 2014